La Salute è il dovere primario di ogni Paese civile e diritto inalienabile di ogni cittadino

A.N.S.I. all’Audizione della XII Commissione Affari Sociali della Camera

ANSI - Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare > Comunicati > A.N.S.I. all’Audizione della XII Commissione Affari Sociali della Camera

La camera dei deputati ha avviato, tramite la Commissione Affari Sociali, una indagine conoscitiva in materia di fondi integrativi al Servizio Sanitario Nazionale finalizzata ad approfondire la materia al fine di valutare l’opportunità di un riordino della sanità integrativa.

La commissione, presieduta dall’Onorevole Marialucia Lorefice, ha inserito nel programma di audizioni, che si dovrebbe concludere entro il 30 aprile 2019, diverse realtà quali il Censis, l’Istat, la Corte dei Conti, l’Agenzia delle Entrate, diverse associazioni tra cui l’A.N.S.I. (Associazione Nazionale Sanita’ Integrativa e Welfare), le rappresentanze di qualche Fondo Sanitario e diversi esperti della materia.

Nella riunione tenutasi il 29 gennaio Ansi ha rappresentato una posizione precisa in merito alle valenze socio-sanitarie della sanità integrativa ed al contributo economico positivo, che gli enti di sanità integrativa contribuiscono a determinare sul bilancio dello stato fornendo prestazioni sanitarie a oltre 12 milioni di associati che, al netto degli sgravi fiscali, consentono importanti risparmi statali nell’ambito del costo complessivo della spesa sanitaria nazionale, da cui ne deriva una “meritorieta fiscale” quale naturale conseguenza dell’impegno sociale ed economico profuso da Fondi Sanitari, Casse di Assistenza Sanitaria e Società Generali di Mutuo Soccorso.

I rappresentanti di A.N.S.I. hanno evidenziato come “non serva riscrivere regole ma sarebbe sufficiente applicare compiutamente le regole già esistenti valorizzando un sistema che, forte di una tradizione mutualistica no profit, già oggi sta garantendo prestazioni e servizi sanitari quale secondo pilastro della sanità italiana, consentendo alla sanità pubblica di liberare risorse economiche da destinare alle fasce più deboli della popolazione. Un modello unico e valoriale a livello mondiale che va solo incentivato, valorizzato, facilitato e, sicuramente, non privato di risorse economiche e legislative coerenti.

 

Leggi il comunicato integrale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *