La Salute è il dovere primario di ogni Paese civile e diritto inalienabile di ogni cittadino

Comportamenti sociali del Paese: il Quaderno ANSI

ANSI - Associazione Nazionale Sanità Integrativa e Welfare > News > Comportamenti sociali del Paese: il Quaderno ANSI

Il nostro paese sta attraversando un periodo di profondi cambiamenti, che impattano – e ancora di più lo faranno nel futuro, non poco sul sistema Previdenziale e Sanitario oltre che economico.

L’indice di vecchiaia e quello di dipendenza continuano a crescere: al 1° gennaio 2016 ci sono 161,4 anziani ogni cento giovani e 55,5 persone in età non lavorativa ogni cento in età lavorativa.

La dinamica migratoria è sempre positiva nel 2015, ma in rallentamento per il terzo anno consecutivo; restano stabili le iscrizioni dall’estero, ma aumentano le cancellazioni verso l’estero (coloro che lasciano il nostro Paese, di cittadinanza italiana o no).

La speranza di vita alla nascita della popolazione residente è stimata in 80,6 anni per gli uomini e 85,1 per le donne nel 2016, in aumento dopo l’eccezionale decremento dell’anno precedente.

Continua a diminuire il numero medio di figli per donna: secondo le stime più recenti, nel 2016 si attesta a 1,34 (1,35 nel 2015), mentre occorrerebbero circa 2,1 figli per garantire il ricambio generazionale. L’età media della madre, 31,7 anni il dato stimato per il 2016, aumenta di quasi un anno dal 2004 e le regioni del Mezzogiorno si confermano, in media, quelle con le madri più giovani. Nella graduatoria europea della fecondità, il nostro Paese è al 23° posto, solo Francia e Irlanda presentano valori di poco inferiori alla soglia di ricambio generazionale (rispettivamente 2,0 e 1,9%, dati 2014).

L’8,3% dei nati nel 2015 ha una madre di almeno 40 anni, il 10,3% una sotto i 25 anni di età. La posticipazione della maternità è molto accentuata per le madri italiane: il 9,3% ha più di 40 anni, quota che supera quella delle madri under 25 (8,2%).

Prosegue la diminuzione della fecondità in atto dal 2010. Il numero medio di figli per donna scende a 1,35 (1,46 nel 2010). Le donne italiane hanno in media 1,27 figli (1,34 nel 2010), le cittadine straniere residenti 1,94 (2,43 nel 2010).

Stanno cambiando anche i livelli di istruzione, la cultura, il lavoro.

Ansi ha dedicato un quaderno a questo argomento, fondamentale per capire come sta cambiando  la nostra società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *